Chi siamo

202211_MUSEesterno

Identità del MUSE

Passione, collaborazione, diversità, benessere, creatività, dialogo

Vision

Investigare la natura, condividere la scienza, ispirare la società per lo sviluppo sostenibile.

Mission

Interpretare la natura, a partire dal paesaggio montano, con gli occhi, gli strumenti e le domande della ricerca scientifica, cogliendo le sfide della contemporaneità e il piacere della conoscenza, per dare valore alla scoperta, all’innovazione, alla sostenibilità.

Principi guida

Diversità, collaborazione, creatività, passione, benessere e dialogo sono i valori che permeano le azioni del MUSE, caratterizzate da curiosità, fascinazione e gradevolezza per il benessere delle persone.

Obiettivi strategici

Fedele alla propria vision e mission, il MUSE sperimenta sempre nuove strade per valorizzare le proprie collezioni, saperi e competenze, per presentarli al pubblico contemporaneo sempre più diversificato e globale. A tal fine, il museo fa propri gli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 dell’ONU e li pone al centro della propria strategia per raccontare e presentare un viaggio

nell’attualità della vita sul pianeta Terra per apprezzare l’unicità della natura, le relazioni con i paesaggi culturali e l’ambiente, per immaginare e partecipare all’adozione di soluzioni intelligenti e creative per migliorare la società.

La nostra storia

Quando la scienza ti sorride
Un museo che ricalca i profili delle montagne che lo circondano. Sei piani di pura meraviglia dedicati alla natura alpina, all’origine della vita, all’innovazione e alla sostenibilità nell’architettura luminosa ed ecosostenibile di Renzo Piano.
La trama dei racconti tra natura e scienza, passato e futuro, arte e sviluppo sostenibile coniuga il tradizionale approccio dei musei di storia naturale con le nuove modalità di interazione dei più moderni science centre e intreccia sperimentazione, scoperta e gioco.
Il MUSE è una tappa obbligatoria per sperimentare la conoscenza: un’esperienza unica, adatta a ogni persona da 0 a 100 anni, in ogni stagione dell’anno. È il pubblico il vero protagonista e animatore delle proposte del museo: dalle collezioni scientifiche ai laboratori didattici, dagli exhibit multimediali ai giochi interattivi, dalle mostre agli eventi, ognuno qui, secondo i propri interessi e attitudini, può costruire la propria visione del mondo e sentirsi parte del dibattito scientifico contemporaneo.

Dal Museo Tridentino di Scienze Naturali al MUSE

Il MUSE raccoglie l’eredità del Museo Tridentino di Scienze Naturali, istituito nel 1964, ma le sue radici intrecciano con il passato ben più lontano delle antiche raccolte di notabili trentini della fine del Settecento.
Dal 1982 il museo si trasferisce nel cuore della città di Trento, a Palazzo Sardagna, ma gli spazi si rivelano presto insufficienti. Negli anni il museo diviene una rete sempre più ampia sul territorio trentino, dove gestisce le proprie sedi, collocate in luoghi di grande interesse naturale e turistico. All’inizio degli anni Duemila si creano le condizioni per cambiare spazi e prospettiva: è il tempo giusto per il progetto del MUSE.
Primi e importanti passaggi di questo percorso sono lo “Studio di fattibilità per un nuovo Museo delle Scienze in Trentino” e il successivo Piano culturale elaborati assieme alla cittadinanza con il contributo di 50 qualificati esperti nazionali e internazionali. Il Piano culturale si traduce nel progetto architettonico affidato alla firma di Renzo Piano che disegna l’edificio e assume la direzione artistica degli allestimenti interni.
Il MUSE vede la luce nel 2013. Il 27 luglio di quell’anno il museo apre al pubblico con un evento lungo 24 ore che catalizza l’attenzione di oltre 30.000 persone.

  • Scopri le associazioni amiche

Scopri il nostro impegno concreto e unisciti a noi

  • Collabora con noi
  • Sostieni il MUSE